+48 570 166 666    +48 71 73 73 373 kontakt@jmsuselclinic.pl

EVLT – (trattamento Laser Endovenoso) laser endovascolare, ablazione termale delle vene

EVLT – (trattamento Laser Endovenoso) può essere spiegato come una cancellazione intravenosa di grandi tronchi venosi modificati in modo patologico (vena grande safena e vena piccola safena) con le vene varicose del loro bacino.

la tecnica, sotto il controllo dell’ultrasuono  Doppler, si basa sull’introduzione di uno speciale involucro, attraverso cui viene introdotta una sonda, cioè una fibra che termina con una luce laser. Il miglior strumento per questo tipo di trattamento è un generatore che produce un wafer di 1470 nm e una fibra ottica con una terminazione radiale. Questo intervento puo essere fatto al posto di una operazione tradizionale (metodo Babock) che è un regolare “stripping” (n.d.r.: tecnica chirurgica di asportazione della safena), la classica rimozione di una grande vena safena.

il rischio della ripetizione è lo stesso, di solito 3-5%, dopo un trattamento laser e tradizionale .

EVLT è stato largamente esaminato e le osservazioni sono state fatte per più di 10 anni.

L’anestesia usata per questo tipo di intervento è chiamata anestesia tumescente (dal latino tumescere: gonfiarsi). E’ un tipo di anestesia locale ma con un importo di una concentrazione ridotta di un agente estetico. Questo è il miglior tipo di anestesia per questa classe di interventi, perchè aiuta anche a contrarre la vena e raccogliere anche l’energia dal tessuto circostante.

In contrasto con una classica operazione il metodo EVLT è molto meno invasivo. dopo 1-2 ore di osservazione, un paziente può tornare a casa.

Dopo il trattamento si raccomanda di indosare le speciali calze di compressione per 21 giorni.

HYBRID OPERATIONS

Oggigiorno, sia al trattamento EVLT che al Clarivein, aggiungiamo una miniflebectomia locale e la scleroterapia per escludere non solo il tronco venoso principale ma anche le altre vene da un bacino che da vene varicose nell’area del ginocchio o “vitello”.

Migliora il risultato estetico e accorcia il periodo di chiusura della vena varicosa. A volte, in alcuni casi difficili con le vene varicose estensive, ulteriori scleroterapie sono necessarie dopo 4-6 settimane.

CLARIVEIN: Meccanico chimica ablazione di vene

Clarivein è un sistema alternativo all’ablazione termica delle vene. In contrasto con EVLT, sopra menzionato, anestesia tumescente, non è necessaria.

Si pratica soltanto un’anestesia locale nel luogo in cui penetra la sonda nella vena. L’energia non è necessaria per questo trattamento (MOCA – ablazione meccanico-chimica). In alcuni casi è meglio usare questo metodo per l’ablazione di una piccola vena safena.

Con l’eccezione di uno speciale rotatore, 2% atossisclerol è usato per l’intervento Clarivein e l’effetto di questo trattamento è più durevole della stessa scleroterapia. Dopo 1-2 ore di osservazione, un paziente può tornare a casa. Dopo il trattamento si raccomanda di indossare le speciali calze di compressione per 21 giorni.

Scleroterapia sotto controllo ultrasuono Doppler

La scleroterapia sotto il controllo del Doppler è usata per cancellare i tronchi venosi più grandi. Aiuta ad evitare la chirurgia, qualche volta può essere utilizzata al posto della miniflebectomia.

Durante il trattamento un liquido o una schiuma mischiati con aria sono usati in percentuali dall’ 1% al 3%.

Il tipo di scleroterapia sotto controllo ultrasuono Doppler è la scleroterapia con catetere endovascolare, Doppler è usato per individuare il corretto tronco venoso. Durante la scleroterapia la vena (vena varicosa) si contrae e diventa fibrotica. Non una sola scleroterapia è necessaria per cancellare la vena, ma a volte si ha bisogno di 2 o 3 sessioni di trattamento.

Gli effetti collaterali dopo la scleroterapia (a volte sono presenti): irregolarità o decolorazione o iperpigmentazione della pelle dopo la cancellazione della vena, specialmente di un calibro più grande.

Per evitare o per ridurre il rischio degli effetti collaterali menzionati, raccomandiamo speciali calze e tamponi locali per la compressione, suggeriamo una compressione per 10-14 giorni a seconda del posto e dell’estensione del trattamento.

Scleroterapia con illuminazione

Questo intrevento è basato su iniezioni nelle vene piccole telangiectasia, piccole vene varicose.

Per questo scopo la sostanza chimica polidocanol (atossisclerol) è usato in varie percentuali dallo 0.5% al 2% del liquido o della schiuma mischiati con aria per contrarre il vaso e poi per la fibrosi. Questo intervento è ripetuto, effettuato in varie sessioni, di solito una al mese. Per le iniezioni dei vasi lo speciale tipo di riflettore usato è chiamato “illuminatore” perché li illumina bene.